How To Make Music For Media…

National Geographic Brand Spot

Ben Trovati, in questo articolo di ” How To Make Music For Media ” vi parlo della sonorizzazione dello spot brand di National Geographic.  Quando si affronta la composizione musicale per un brand come National Geographic bisogna considerare prima di tutto il tipo di comunicazione che un brand come questo impone. In questi casi molto spesso il brief suggerisce un commento musicale arioso, emotivo ma non triste, avventuroso ma non troppo epico, con un tocco di moderno. La Musica l’ho realizzata con Cubase e diverse library Kontakt. L’intro vede protagonista la voce di Clara e il fantastico True Legato di Ethera Soundscapes 2.0. Fatemi dire che questo è uno dei True Legato Solo Vocali più belli in circolazione, offre una morbidezza ed un realismo incredibile , sopratutto per fraseggi lenti ed emotivi e con un registro vocale che finalmente non è Lirico ma un giusto compromesso che ben si sposa con colonne sonore. Veramente fantastico !

Screen Shot 2018-01-04 at 10.43.16

Come da indicazioni dal regista, Il brano doveva svilupparsi in una seconda parte più piena con la presenza di un coro ( non epico )  a sottolineare un pò l’appartenenza ad un brand colletivo come National Geographic. Considerando il poco tempo che avevo era una sfida non facile, Per far questo, considerando quindi  l’impossibilità di organizzare un coro in carne ed ossa, mi sono avvalso di Ethera Soul Edition. Questa library nata per generi musicali vicini al Soul e Gospel in realtà si presta per tantissimi utilizzi. Tra le varie Patches è presente un Legato di Coro che  con qualche accorgimento è diventato perfetto per questa mia necessità.

Screen Shot 2018-01-04 at 10.44.53

Agendo sul parametro Legato Expert , sono andato a modificare alcuni settings che mi hanno permesso di plasmare il legato rendendolo idoneo all’utilizzo, ad esempio impostando un giusto tempo di XTime, paremetro che definisce la velocità di transizione delle note legate. Per rafforzare il suono ho creato 3 Layers della stessa melodia, modificando le tre parti con piccole differenze di pitch , per andare a creare un suono più corposo e con un sapore quasi di ” live “.  Ho poi condito il tutto  leggermente con il Plug in Waves Doubler.

Screen Shot 2018-01-04 at 10.45.01

Gli archi sono della Berlin Strings, le parti di chitarra sono sempre in Virtual Instruments  realizzate con la serie Indie fingers ,  le parti di batteria sono realizzate con la library Native Instruments Abbey Road – Modern Drummer. Sul Mercato ci sono library migliori da questo punto di vista ma non avevo a disposizione altro materiale. Devo dire però che è una library che fa sempre il suo dovere.

Screen Shot 2018-01-04 at 11.29.34.png

Il Mix realizzato piuttosto velocemente è basato per lo più su EQ native di Cubase, ho creato un buss per una compressione parallela per le parti di batteria, utilizzando il plug in Waves CLA . La serie CLA non mi fa impazzire di Waves , ma non potevo utilizzare i mie plug in preferiti di UAD e Acustica Audio.  Ad ogni modo mi è servito per dare il giusto punch  che volevo alle parti di batteria, senza perdere i transienti necessari.

Screen Shot 2018-01-04 at 11.32.52

Non è stato richiesto Sound Design quindi ho terminato con qualche veloce rifinitura sul buss stereo per un Mastering Veloce basto su SSL G Compressor per dare un pò di glue, un H-Eq con qualche piccola correzione, un emulazione Pultec che nonostante questa di  Waves non sia splendida,  svolge il suo lavoro. In particolare il Pultec ( quello vero o emulazioni ben riuscite ) mi piace particolarmente sulle frequenze alte , per aprire un pò e dare aria al suono senza rendere il tutto fastidioso. Infine ho aggiunto un L316 facendolo lavorare in attenuazione giusto qualche db. Ricordo sempre che questi sono lavori che vengono svolti tenendo sempre in mente il target finale che è la TV , diverse scelte di mix e mastering vengono prese di conseguenza.

Tempo di lavorazione circa 6 ore.
Vi lascio al video della sessione Cubase !

Ciao a tutti. In questo appuntamento vi parlo di un lavoro effettuato poco tempo fa per Nat Geo Wild  “World” , ovvero un commercial che andrà in tutti i Nat Geo Wild sparsi per il mondo. Wild è il canale di National Geographic dedicato alla natura in generale. Destionation Wild in particolare è una serie di documentari straordinari con delle immagini mozzafiato le quali ci portano a stretto contatto con le più belle e stravaganti forme di vita del nostro magnifico pianeta. Quando mi è arrivato il Brief direttamente da Washington dalla sede principale di National Geographic mi sono reso subito conto che la lavorazione era particolare. Praticamente per promuovere la nuova serie di documentari avrei dovuto realizzare una musica che usasse in gran parte suoni ricavati dal documentario stesso. Suoni appartenenti a pesci , crostacei,  tartarughe, uccelli e balene.  Quando ho ascoltato i suoni , non credevo alle mie orecchie. Ci sono dei pesci e una specie di aragoste che fanno dei suoni troppo strani. Selezionato i suoni ho iniziato a ragionare a come potevo usarli. Alcuni di essi erano praticamente e incredibilmente dei suoni percussivi, quasi bonghi, snare o clap. Poi alcune tartarughe e un pesce producevano un suono che poteva essere benissimo un sample di ” vox “. Poi c’erano le balene che potevano fare da background. Ho iniziato a lavorare ad una traccia un po’ electro …utilizzando questi suoni come struttura portante. Alla fine ho realizzato 2 versioni una nella quale praticamente gli unici suoni ” aggiunti ” sono il pianoforte , una kick 808 e una maracas, il resto è totalmente fatto di suoni ” naturali ” , l’altra versione alla quale ho aggiunto un basso e un sinth…e fatto un giro di piano diverso. Ovviamente i suoni campionati da questi pesci e animaletti vari … erano molto grezzi , hanno subito uno bel processo di lavorazione. Strumenti come EQ, Compressione, Reverberi e Delay mi hanno permesso di dare al tutto un ” suono ” più musicale. Le Balene le ho processate con Izotope Iris…interessante strumento di sintesi. Questi alcuni dei  Suoni ” Grezzi” usati presi dai pesci e altri animali. https://soundcloud.com/cinematicm/sets/sfx-nature Screen Shot 2015-04-15 at 11.06.43 AM Buona Visione :

BRAND SPOT

Quando si parla di BRAND SPOT ci si riferisce ad uno spot che non pubblicizza un prodotto in particolare ma , nel caso della TV , il canale stesso. Quindi sarà un filmato che racchiude l’anima editoriale  la quale dovrà essere comunicata in maniera chiara .

Per raggiungere questo goal ovviamente si punta sul montaggio, sulla musica e su un messaggio che si vuole lanciare legandolo al brand del canale.

Nat Geo People è un canale del gruppo National Geographic che parla di persone , di storie, di lifestyle e lo fa in chiave moderna e piuttosto giovanile. La musica richiesta quindi doveva essere : Fresca , Moderna, Positiva e con il classico mood National Geographic, il tutto da consegnare in 6 / 7 Ore di lavorazione circa

Screen Shot 2015-03-25 at 10.55.50 AMPer la realizzazione ho scelto Cubase , nella versione 7.

Come sempre la prima operazione è quella di individuare il tempo interno del filmato , per cui click alla mano , ho trovato il BPM più corretto  segnandomi tramite dei Marker i punti più importanti nei quali avrei dovuto effettuare dei cambi musicali.

11077859_10206190326666915_8899434488674161106_o

Il genere era semplice per cui non ho dovuto impiegare tante risorse,  complessivamente sono arrivato a circa 20 tracks. Quindi un progetto decisamente leggero rispetto ad altre situazioni.

Per prima cosa ho realizzato la stesura di piano  , strutturata con degli arpeggi che è diventata la parte portante del brano, e che dava quel sapore tipico di National Geographic. Per il piano ho scelto ” The Giant ” di Native Instruments.

All’arpeggio di piano ho contrapposto una arpeggio di ” bells ” selezionate dall’immancabile Omnisphere di spectrasonics.

Screen Shot 2015-03-25 at 10.56.31 AM (2)

 

Per la Parte percussiva ho usato 2 Istanze di  ” Drum Lab ” di Kotankt , una più sporca e una più pulita.

Nel Brief ricevuto bisognava fare una melodia con dei ” coretti ” maschili , ho registrato quindi  3 parti di voci che ho lavorato con il plug in di Antares” Harmony  ”

Screen Shot 2015-03-25 at 10.57.43 AM

FINALIZZAZIONE

Ho finalizzato il MIX usando un SSL BUS Compressor di Waves, il Dynamics di OZONE , e un L3 Di Waves.  Trovo il multibanda di Ozone molto buono e quando il tempo è sempre molto poco , mi permette di ottenere velocemente il giusto controllo finale sul suono per una sorta di ” Mastering Veloce “.

Screen Shot 2015-03-25 at 10.58.13 AM

MIX FINALE E CONSEGNA

Terrminata la musica ho esportato il tutto in 2 Versioni differenti da 60 ” e 30 ” e caricato il tutto in ProTools HDX per il MIX finale con Speaker, e SFX.

Screen Shot 2015-03-25 at 11.45.02 AM

Buona Visione!

Sempre sotto pressione, esposti al costante giudizio di clienti , registi, producer, copywriter, creative manager,  in costante lotta contro il nemico numero uno ” il tempo “, diciamocelo è un lavoro , quello del Sound Designer , che porta a dover avere un buon controllo delle nostre emozioni. Primo eliminare il proprio ego ! E si , perché succede molto spesso una situazione simile a questa : arriva puntualmente una richiesta di lavoro che si reputa stimolante, ci si impegna, si cerca di fare il proprio meglio, e dopo ore e ore di lavoro, magari giorni si arriva al momento dell’approvazione. Momento delicato nel quale si aspetta un prezioso feedback da parte del cliente. Il più delle volte può andare bene se si è stati bravi, ma può anche capitare che il lavoro sul quale abbiamo dedicato tanto tempo possa venir giudicato male e tradire le nostre aspettative. Le motivazioni potrebbero essere tante e ci vorrebbe un articolo a parte. Ricevere una critica, o una bocciatura è sicuro fonte di stress, ma bisogna imparare a viverla nel modo giusto, con quel pizzico di distacco professionale necessario , nonostante ogni nostro lavoro lo viviamo quasi in simbiosi, può succedere che non viene capito , o semplicemente non piace o non  soddisfa quanto richiesto.

Che fare ? Nulla , si riparte e si cerca di capire meglio le richieste anche se queste dovessero sembrarci ” assurde”.

Tutto questo per arrivare a dire cosa ? Che questo lavoro spesso si fa sotto stress e ci si dimentica che prima di un lavoro è una ” Passione ” , una passione che porta ad investire tempo, soldi, risorse fisiche  per imparare, migliorare, crescere. Tutte cose che , intendiamo, si possono fare anche lavorando, ma a volte manca quel pizzico di rilassatezza che ti fa godere a pieno di quello che stai facendo, o semplicemente  non sei libero di esprimerti sempre come vorresti.

Da qui nasce l’esigenza anche di andare oltre il lavoro , e quando si ha tempo e voglia dedicarsi a progetti o piccoli lavori personali senza un preciso scopo. Anzi , forse uno scopo ce l’hanno , è quello di divertirsi facendo quello che più ci piace e nello stesso tempo crescere, sperimentare, provare nuovi strumenti, il tutto senza stress lavorativo.

Per questo ogni tanto mi cimento anche io in questo genere di “lavori” e recentemente ho realizzato una traccia musicale che ben si prestava ad un ipotetico Trailer dal forte impatto Epic/Movie fantascientifico.

Con l’occasione ho approfondito le potenzialità di Studio One , che inizia sempre più a convincermi come Daw. Durante la lavorazione non ho avuto nessun problema, nonostante avessi caricato Patch decisamente pesanti arrivando a circa 15 Giga di Ram occupata. Studio One si è comportato molto bene e il mio Mac ha retto benissimo ( e vorrei vedere… ).

Schermata 2014-09-22 alle 23.28.13

Durante la realizzazione del brano non ho ragionato troppo su struttura, durata ma ho preferito lasciarmi guidare dalla sensazione e alla fine mi sono accorto di essere arrivato quasi a 6 Minuti. Non è propriamente una durata ” standard ” ma ascoltando poi il tutto , ho notato che il brano presentava diverse “anime ” che potevano , all’occorrenza , essere utilizzate per scopi diversi.

Composto il video con Final Cut X , prendendo in prestito scene di film vari, ho realizzato un ipotetico trailer al quale ho aggiunto 2 frasi ” Epiche” di due film storici , lascio a voi la capacità di individuarli. Queste frasi mi hanno abbastanza ” gasato” perché si sposavano bene con il contesto e aiutavano ad aumentare il mood Epico.

Per la parte vocale mi sono affidato all’ormai onnipresente, nei mie progetti , Clara Sorace, grandissima come sempre , la quale riesce ogni volta a capire quali sono le mie esigenze e in pochissimo tempo le concretizza con la sua splendida voce, nonostante , devo dire,  non sempre riesco ad essere chiaro.

Per finire ho condito il tutto con un po’ di Sound Design dove serviva e per questo ho utilizzato il sempre fidato ProTools 11 che ancora rimane per me strumento indispensabile in questa  fase produttiva.

A questo punto vi lascio al video ! Buona visione e mi raccomando , usate un bel paio di cuffie o monitor….altrimenti dove sta il ” divertimento ” 🙂

Ciao!

Ciao ragazzi, eccomi con un nuovo appuntamento dedicato al sound design.

Questa volta vi descrivo la mia prima lavorazione realizzata , in parte, con Studio One della Presonus.

Prima di tutto potrebbe sorgere la domanda : Perchè Studio One ?

Effettivamente tra Cubase, Logic, ProTools, che sono di sicuro le Daw più diffuse e forse avanzate , perchè concentrarsi su un sistema meno conosciuto ,  più giovane  e quindi, immaturo ?

Potrei rispondere semplicemente con : Curiosità !

Ma questo non basterebbe , perchè in realtà le motivazioni che mi hanno spinto a testare e in un secondo momento acquistare Studio One sono molteplici. Prima fra tutti la necessità di avere una DAW più immediata possibile, ma nello stesso tempo potente, dalle ottime prestazioni e perchè no, di questi tempi, meno costosa.

Lavorando con Studio One ho apprezzato alcune caratteristiche che trovo assolutamente eccezionali, come il Transform To Audio una sorta di Freeze che trasforma la traccia di un Virtual Instrument in una traccia audio.

Ma , contrariamente a quanto avviene con un normale Freeze ( di Cubase ), viene mantenuta la possibilità di editing sia sulla traccia audio che su quella midi e in ogni momento è possibile tornare al Midi senza perdere gli edits fatti.

Direi molto utile !

Poi altre caratteristiche di cui magari parlerò in un post dedicato.

Torniamo alla lavorazione!

Screen Shot 2014-09-03 at 9.40.55 AM

La musica da realizzare per questo promo doveva essere moderna, in linea con il brand di FOX SPORTS e con l’argomento trattato : La Formula E !

Molti la definiscono la Formula 1 del prossimo futuro , perché ormai la propulsione a benzina forse inizia a perdere il suo interesse, anche da parte degli investitori e degli sponsor. Per chi non avesse intuito , si parla di una competizione basata su monoposto spinte da motori a propulsione elettrica , potenti , innovativi e sopratutto ad emissioni zero , cosa da non sottovalutare! Mi sono cimentato in un genere che di solito frequento poco, ma in questo lavoro bisogna sempre seguire tutte le mode musicali , generi , ed essere pronti a proporli in qualsiasi momento, in quanto le richieste possono essere di qualsiasi tipologia musicale, per cui un bravo Sound Designer/Composer deve riuscire a realizzare il  più ampio range possibile di generi musicali , anche molto distanti tra loro.

Mi sono orientato su un tipo di musica che potremmo definire ” PopStep ” , ovvero una DubStep più moderata, con sonorità meno aggressive ma che mantiene la struttura ritmica e alcuni suoni caratteristici. I Cultori del genere storceranno il naso,  in quanto , non ho propriamente rispettato i BPM classici della DubStep che sono 140 BPM , nei quali la ritmica si muove in misure dimezzate. Ma sono stato costretto , perché dovevo basarmi su una vecchia colonna audio sulla quale era stato montato il video che era decisamente più lenta per cui, per non perdermi Sync importanti , ho dovuto lavorare con un BMP più basso rispetto al genere e devo dire ,  il risultato non mi è dispiaciuto.

Durante la realizzazione del brano ho apprezzato il workflow di Studio One, che fa un uso intensivo del Drag & Drop, questo facilità molto il processo creativo e il flusso di lavoro .

Ti serve un Kick ? Browser sulla destra trascini nella finestra di arranger e ti si crea la traccia, stesso discorso per gli effetti e altri plug in , decisamente utile e più immediato di altre Daw.

Studio One , sì è comportato bene anche trascinando in Sync un video Quick Time , anche se,  devo dire,  la riproduzione non era sempre fluidissima, il problema potrebbe però essere dovuto ad un codec non particolarmente leggero da gestire.

Screen Shot 2014-09-03 at 9.40.55 AM (3)

Ho Utilizzato moduli di MASSIVE che decisamente funzionano benissimo, e classici suoni e pecussioni tipiche di questo genere. Con loop Vox , Vocoder e simili.

Per il Sound Design,  di alcuni elementi grafici , mi sono affidato a ProTools HDX , cosi come per il mix finale degli STEM : MUSICA – SPEAKER ( VO ) – SFX.

Allego video della versione Finale con tutti gli elementi , e video con solo la musica e gli SFX.

BUONA VISIONE !

Ciao!